Vantaggi del commercio locale

Ogni giorno arrivano ovunque merci da ogni parte del mondo. Nonostante i costi di trasporto, stoccaggio e conservazione proporzionali alle distanze, spesso le merci prodotte lontano sono concorrenziali con quelle locali.

Questo avviene per vari motivi:

  1. Minori costi della manodopera, delle materie prime, di tasse, contributi, assicurazioni, ecc.
  2. Costi non conteggiati nei prezzi al consumo:
  • inquinamento atmosferico e ambientale,
  • malattie da inquinamento, .
  • effetto serra,
  • deterioramento di mezzi e vie di comunicazione pubblici
  • consumo di materie prime e carburanti in esaurimento sul Pianeta

Sfruttando la produzione ed il consumo locale al meglio delle possibilità si avrebbe un calo notevole della circolazione di mezzi e persone con evidenti benefici sul traffico ed una forte riduzione di incidenti, feriti e morti.

Inoltre si ridurrebbero notevolmente i costi di costruzione e manutenzione viaria e risulterebbero meno necessarie grandi opere come la TAV o il ponte sullo stretto di Messina.

I costi non conteggiati nei prezzi al consumo ricadono sulla comunità sia come peggioramento della vita umana e dell’intero ecosistema, che come costi diretti o indiretti per il sistema sanitario ed altro.

Negli ultimi decenni si è accentuata molto la tendenza a costituire grandi società e complessi multi nazionali per affrontare meglio la globalizzazione. Non di rado, tali gruppi economici scaricano sul locale problemi, costi sociali ed ambientali mentre spostano gli utili ove la tassazione è minore o nei paradisi fiscali.

Se, ai prezzi al consumo, fossero aggiunti  i costi non conteggiati che incidono sull’ambiente, sulla comunità e sugli individui, molti prodotti locali risulterebbero convenienti con notevoli vantaggi anche  sull’occupazione.

I prodotti locali garantiscono inoltre controlli più facili della produzione da parte dei consumatori e, per quanto riguarda i generi alimentari, maggiore freschezza e sapore dato che vengono raccolti più maturi e venduti quasi subito.

Purtroppo non possiamo cambiare radicalmente e subito il sistema attuale, ma è possibile liberarcene parzialmente promuovendo la consapevolezza e creando alternative con reti locali di produzione e di consumo che, avvicinando e collegando i produttori ai consumatori, consentano sostenibilità economica ed ambientale (filiera corta/Km zero).

Possiamo anche chiedere agli enti pubblici di spostare parte della tassazione in modo proporzionale sulle percorrenze delle merci (ad es. tassando ogni mezzo di trasporto in base all’inquinamento e ai chilometri percorsi nell’anno) in modo da addebitare adeguatamente i costi che ricadono sulla società e sull’ambiente.

Per questo la Cooperativa Ama Mapu propone un Gruppo di Acquisto e seleziona prodotti locali ottenuti con sistemi idonei a salvaguardare la salute e l’ambiente e, cercando di ricorrere più possibile allo sfuso per incidere meno possibile all’inquinamento da imballaggi, li propone nel mercatino interno e al domicilio degli aderenti.

Tutto questo cercando di applicare prezzi in linea con quelli della grande distribuzione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...